In collaborazione e con il supporto di:

BREVE STORIA DI UN PREMIO NATO PER GIOVANI

Il Premio Ancalau nasce nel 2014 da un’idea dell’attuale Sindaco di Bosia Ettore Secco, sviluppata in collaborazione con Silvio Saffirio, nome di rilievo della pubblicità italiana legato dall’infanzia a Bosia e all’Alta Langa. Alla sua prima edizione il Premio Ancalau è un premio ad personam, un premio cioè a una figura che incarna precisamente i “valori ancalau”: attaccamento alla tradizione, spirito di innovazione, intraprendenza, determinazione. Il primo premiato è Oscar Farinetti, il famoso creatore di Eataly che nel momento di ricevere il Premio lancia l’idea, subito raccolta, di trasformare il Premio stesso in una sfida tra progetti di start up dei giovani. Farinetti con Eataly si offre inoltre di attribuire al vincitore un assegno di 10.000 euro. Ha così inizio la storia attuale di una tra le prime competizioni di creatività giovanile in Italia.

Nel 2015 ha quindi luogo la prima edizione del Premio Ancalau “start up giovani”, la cui Giuria presieduta da Oscar Farinetti e composta da figure di grande prestigio, attribuisce il Premio ad Alice Giusto e Guillermo Lujan (progetto “Snailcav”, tecnologia innovativa per l’allevamento e la produzione indoor del caviale di lumaca). La Giuria attribuisce inoltre, per il valore sociale, un riconoscimento economico a Elisabetta Mascherucci (progetto “Vinolis”, tecnica di linguaggio innovativa per permettere ai sordi la partecipazione alla degustazione dei vini e in generale per accrescerne le possibilità di scambio). L’Edizione 2016, presieduta da Oscar Farinetti come le edizioni successive, premia Lisa Ciccarelli (progetto “Fibra di Nocciolo”, riciclaggio delle spollonature e dei gusci delle nocciole per la produzione di carte speciali e materiali per l’edilizia e l’arredamento). Nel 2017 la Giuria corona i fratelli Luca e Andrea Elegir (progetto “Vinooxigen”, innovativo serbatoio enologico per la vinificazione senza travaso). L’edizione 2018 vede l’affermazione del progetto del giovane architetto Andrea Benedetti (progetto “Busker Case”, minipalco smontabile e trasportabile per agevolare le performance degli artisti di strada). La Giuria 2019 premia Alma De Luca e Francesca Castrignanò, due neolaureate in Ingegneria (progetto “Revideo” per la terapia del glaucoma) attribuendo un riconoscimento economico a tre giovani liceali, Alberto Ricatto, Mattia Scagliola e Samuele Marro (progetto “Pax”, drone per individuare i depositi illegali di rifiuti). L’edizione 2020 viene sospesa causa Covid-19.

There is no exercise better for the heart than reaching down and lifting people up.
Daniel Cross • Executive Director

Gli 8 settori della rinascita italiana

I progetti del Premio Ancalau si ispirano ai settori-chiave che concentrano oggi le maggiori aspettative di futuro della società italiana:

Agroalimentare

Ambiente e Sostenibilità

Moda e Design

Patrimonio artistico, culturale e paesaggistico

Industria manifatturiera (artistica e di precisione)

Turismo e ospitalità

Tecnologie evolutive

Servizi innovativi

PROSSIMO APPUNTAMENTO: BOSIA (CN) – DOMENICA 18 GIUGNO 2023 ore 10:00

Quanto tempo manca?
PRESENTAZIONE PROGETTI FINALISTI
0
0
0
0
Days
0
0
Hrs
0
0
Min
0
0
Sec

THINK LOCAL, ACT GLOBAL

I progetti dovranno ispirarsi al principio dell’universalità italiana, patria d’origine di tante idee di successo mondiale, dove l’ispirazione locale costituisce non un limite bensì il valore più efficace per una proiezione globale di successo.

PARTECIPA